Il primo blog interamente dedicato alla formazione degli abitanti in Condominio
 
Quando mancano i soldi: cosa succede se non tutti pagano?

Quando mancano i soldi: cosa succede se non tutti pagano?

Può accadere che in un condominio possano mancare i fondi, a causa di qualche condomino che tarda a pagare.

Il condominio è un ente di gestione e questo significa che non ha un patrimonio suo.

Di conseguenza, le spese necessarie per il mantenimento dei servizi e per la manutenzione dello stabile (elettricità, gas, giardiniere, muratore, fabbro, etc.) normalmente vengono pagate dai condomini. Per far fronte a questi pagamenti, i soldi vengono raccolti in via preventiva. Ai condomini viene richiesto di pagare prima perché, in caso contrario, nel momento in cui sarà necessaria una certa spesa, non si riuscirà a raccogliere i soldi il più velocemente possibile per pagare il fornitore e, così facendo, si andrà incontro alla sospensione del servizio.

Se però ci sono più condomini che non pagano, inevitabilmente il condominio finirà per non avere più i fondi necessari a garantire i servizi. Finché si tratta del giardiniere, della pulizia delle scale o del muratore si può aspettare, perché non stiamo parlando di servizi indispensabili. Se, invece, si tratta del riscaldamento o dell’elettricità, allora la situazione è più grave, perché ci riferiamo a beni che servono a tutti: chi ha pagato non riesce ad usufruire di questi servizi per colpa di chi non ha pagato.

Quando ci sono persone che non pagano, le alternative sono due:

1. Viene sospesa l’erogazione di quel determinato servizio, portando disagio all’interno del condominio.

2. Chi può permettersi di pagare “anticipa”, temporaneamente, i soldi a chi non ha quella disponibilità economica, permettendo così all’amministratore di “tamponare” il debito del condominio.

Nel momento in cui l’amministratore verrà a chiederti soldi per coprire le morosità degli altri condomini, quello che puoi fare è assicurarti che, nel frattempo, il recupero crediti venga effettuato.

In situazioni come questa, si continuerà a “tamponare” il debito fino a quando quei crediti non saranno recuperati: i condomini che hanno versato di più, potranno così rientrare in possesso dei loro soldi che, contabilmente, vengono mantenuti a loro favore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *